Una donna (conservatrice) alla guida del Parlamento europeo: non la penso come lei però mi aspetto un esempio di leadership al femminile

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Roberta Metsola è la nuova presidente del Parlamento Europeo.

E’ la terza ed anche la più giovane donna – 43 anni – a ricoprire questo prestigioso incarico. Raccoglie il testimone del compianto David Sassoli.

Le faccio il mio in bocca al lupo.

Non la penso come lei su diverse cose (ad iniziare dalle sue posizioni da conservatrice sui temi etici) però mi auguro che in questa esperienza possa dare un esempio di leadership femminile avendo come stella polare ascolto, empatia e condivisione. Quello che nel mio piccolo cerco di praticare.

Tuttavia, ha una responsabilità importante, perché le giovani donne di oggi guardano a lei ed alle donne che rivestono cariche importanti: pensate alla presidente della Bce Lagarde o a quella della Commissione europea von der Leyen.

Sono i modelli che influenzeranno le future leader nel mondo e devono avere un atteggiamento esemplare.

Altrimenti che differenza ci sarebbe dalla gestione del potere in quanto tale e privo spesso di uno sguardo periferico perpetrato da un certo patriarcato chiuso e inarrivabile?

Detto ciò, le tre leader europee che ho citato appartengono tutte allo schieramento del centrodestra. Magari, qualche domanda in più, il fronte progressista – sia in Italia che in Europa – potrebbe anche farsela.