Se questi sono essere umani

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
L’orrore.
Giovane, donna, atleta. Decapitata.
Decapitata soltanto perché voleva praticare dello sport– ripeto, dello sport: allenarsi, correre, faticare – senza hijab.
La vittima di questa atroce follia si chiama(va) Mahjubin Hakimi, afghana, 18 anni.
Nazionale Juniores di volley. Lo rivela al Persian Independent una sua ex allenatrice: i suoi genitori sono stati anche minacciati qualora avessero raccontato l’accaduto.
Questa tragica follia è opera dei talebani (lo scrivo minuscolo volutamente) a Kabul. L’ennesimo sfregio verso qualsivoglia tipo di transizione pacifica e lontanamente democratica del Paese dopo il loro arrivo al potere.
Molte altre atlete sue colleghe sono riuscite a fuggire, si parla addirittura di una seconda vittima uccisa a colpi di pistola. Mentre altre giocatrici di altre discipline, come il Calcio, sono già riuscite ad espatriare.
Se questi sono esseri umani.